Italija

«Bisogna sparare»Il sindaco di Vogherae la chat dei veleni:«Denuncerò la talpa»

Corriere.it - 40 min 5 sek ago

«Denuncerò la talpa»

Sms tra assessori prima dell’omicidio dell’immigrato

Kategorije: Italija

Maira, dall'Amazzonia a Tik Tok: l'influencer della foresta incanta milioni di follower

Corriere.it - 41 min 23 sek ago

 l'influencer della foresta incanta milioni di follower

La 22enne fa parte della tribù dei Tatuyo, dove il wi-fi, fino a prima della pandemia, non c'era. Ora racconta tutto: da come preparare un piatto di larve ai consigli per avere capelli lisci. E sui social spopola: «Ma non faccio niente di speciale»

Kategorije: Italija

X Factor 2021, Ludovico Tersigni promosso. Manuel gela il concorrente Fettuccine: «Ho cercato qualcosa in te ma non ho trovato niente»

Corriere.it - 43 min 59 sek ago

 «Ho cercato qualcosa in te ma non ho trovato niente»

Primo appuntamento con le audizioni del talent show targato Sky tra sorprese e qualche (immancabile) freak. Conquista il web il nuovo conduttore

Kategorije: Italija

Covid, vivere con il virus: dalla Danimarca al Cile ecco i Paesi che ripartono (grazie a vaccini). Ma c'è chi rischia

Ilmessaggero.it - 44 min 37 sek ago
Dopo esser stato travolto dallo tsunami del virus a inizio 2020, aver affrontato le varie ondate che hanno colpito in periodi e intensità diverse i Paesi, ora il mondo si organizza per una...
Kategorije: Italija

Udine, poliziotto muore in un incidente mentre rientra a casa dal lavoro: Gianluca Quaino aveva 52 anni

Ilmessaggero.it - 44 min 37 sek ago
Un agente della Polizia di Stato, di 52 anni, residente a Cividale, in servizio alla Questura di Udine, è morto nella tarda serata di ieri per le gravi ferite riportate in un incidente...
Kategorije: Italija

Erin French ospite a Women in Food: «La cucina mi ha salvato la vita»

Corriere.it - 45 min 5 sek ago

 «La cucina mi ha salvato la vita»

L’infanzia idilliaca nel Maine, gli anni bui della depressione e il successo del leggendario ristorante «The Lost Kitchen». La storia sincera di Erin French, astro nascente della cucina americana. Appuntamento web live a Women in Food il 22 e 23 settembre

Kategorije: Italija

Il Tempo delle Donne: la diretta dalla Triennale Milano dalle 10 alle 19

Corriere.it - 46 min 4 sek ago

 la diretta dalla Triennale Milano dalle 10 alle 19

Venerdì 17 settembre, una giornata di eventi, incontri, laboratori, interviste

Kategorije: Italija

The Best Chef Awards, Dabiz Muñoz è il migliore al mondo: 10 italiani nella top 100

Corriere.it - 46 min 51 sek ago

 10 italiani nella top 100

Ad Amsterdam si è tenuta la cerimonia del premio creata dall’italiano Cristian Gadau e dalla neuroscienziata polacca Joanna Slusarczyk. Dabiz Muñoz ha conquistato il titolo di migliore chef al mondo. Undici gli italiani nella top 100. Riconoscimenti speciali anche per Franco Pepe e Alfonso Iaccarino

Kategorije: Italija

St Andrews, l’università di William e Kate, batte Oxford e Cambridge

Corriere.it - 50 min 57 sek ago

St Andrews, l’università di William e Kate, batte Oxford e Cambridge

Nella classifica del Times al primo posto l’università scozzese dove scoppiò l’amore fra l’erede al trono dei Windsor e la «commoner» Kate Middleton. Lo choc delle più blasonate università inglesi scalzate dalla vetta

Kategorije: Italija

Grande Fratello Vip, Jo Squillo si racconta a FQMagazine: si commuove fino a riattaccare il telefono, poi richiama

Il Fatto Quotidiano - 52 min 8 sek ago

Scusi Jo Squillo, ma lei non era una punk anarchica?
Certo. E dopo quarant’anni di carriera continuo ad esserlo.

E perché va al Grande Fratello Vip, che per i detrattori è tutto tranne che un programma di rottura?
Le pare che ci siano altri spazi per noi artisti che non lavoriamo da un anno e mezzo? Siamo stati dimenticati da tutti. Io faccio la cantante, faccio spettacoli nelle discoteche, un comparto distrutto. E poi basta con questi cliché sui reality: essere artista significa provare a realizzare degli atti di riflessione anche in un contesto diverso da noi.

E lei pensa di riuscirci?
Ci voglio provare fin da subito.

In che modo?
Vorrei entrare al Grande Fratello indossando un burqa, simbolo di oppressione delle donne. La mia non sarebbe una provocazione ma gesto forte per esprimere solidarietà alle donne di Kabul e alle nostre sorelle afghane. Oltre che un atto di libertà per rivendicare la libertà di tutte noi.

Jo Squillo è una «mina vagante», donna incontenibile e irrequieta, sempre alla ricerca di un nuovo progetto e di una nuova meta. Jo Squillo è il brand di sé stessa: vent’anni di musica, venti nella moda, in mezzo la tv, i social, progetti imprenditoriali e l’impegno con una onlus che si batte per le donne. Tutto il suo bagaglio lo porta ora al Grande Fratello Vip 6, il reality di Canale 5 prodotto da Endemol Shine Italia, dove farà il suo ingresso nella seconda puntata, quella di venerdì 17. «Vorrei che il pubblico conoscesse il mio lato più fragile, quello che non mostro mai per pudore», racconta a FQ Magazine a poche ore dalla diretta.

Sembra una col sorriso patinato, sempre adrenalinica. Quando concede alla fragilità di venire fuori?
Viene fuori nel punto massimo di lontananza dai riflettori. Il mio apparente rigore granitico serve a proteggermi dal voyerismo dell’oggi. Non ho mai voluto deviare dalla mia missione di portare sorrisi e provocazione al pubblico. Per questo non mostro mai nemmeno la mia sensibilità.

C’è altro che il pubblico scoprirà di lei?
Sì, che sono «diversamente mamma»: anche se non ho fatto figli, tre anni fa ho incontrato una figlia. Questo, se capiterà, lo racconterò al Gf.

Al Grande Fratello si va anche per i soldi?
Per me essere un’artista non significa fare soldi o avere successo. Significa essere un’attivista, puntare le luci su ciò che merita, su un tema che mi sta a cuore. E lo farò anche nel reality per provare a cambiare qualche cattiva abitudine della nostra società.

Ad esempio?
Non voglio insegnare nulla a nessuno, al massimo far riflettere. Per esempio, vorrei che le ragazze di oggi capissero i danni della superficialità: si può essere leggeri ma non vacui. E poi vorrei parlare di veganesimo.

Lo sa che il cibo nei reality è sempre un oggetto di scontro?
Ho fatto Isola e Fattoria, lo so bene. Ma discutere del consumo della carne non significa fare proselitismo: io sono vegana e c’è voluto un lungo percorso per arrivarci.

Le liti la spaventano?
Lanciavo tampax macchiati di rosso dal palco, negli anni ’80, per rompere il tabù della violenza contro le donne. Mi tingevo di capelli di verde per parlare di ecologica, si figuri se il confronto mi spaventa: i percorso minati mi sono sempre piaciuti.

A proposito di violenza contro le donne, lei scrisse la canzone Violentami sul metrò: «Violentami violentami piccolo/violentami violentami sul metrò»
Era una canzone potente, un ribaltamento culturale: le donne non ci stavano ma non volevano essere considerate solo in quanto vittime. Gianna Nannini mi disse: «Hai scritto la canzone per eccellenza contro la violenza sulle donne».

Che oggi probabilmente verrebbe stroncata dal politicamente corretto.
Molta gente non ha capito la provocazione allora, figuriamoci oggi. In più il politicamente corretto non ha cambiato nulla, la politica nemmeno. Mentre tutti chiacchierano del nulla, siamo ancora qui a parlare di femminicidi – sette solo negli ultimi giorni – e viviamo in una società sempre più brutalizzante.

Lei si dichiara orgogliosamente femminista. Cosa significa oggi essere femministe?
Sono stata una punk, un’ambientalista, sono stata musicalmente fluida prima del tempo, ho cercato di portare un atto di riflessione con la mia musica. E sono e sarò sempre orgogliosamente femminista e come tale oggi lotto per l’abbattimento degli stereotipo della femminilità imposti dal patriarcato, l’omologazione dei corpi.

I corpi, l’estetica sono centrali nei reality
Il reality riflette il mondo esterno. Il corpo ha un linguaggio erotico potente ma la società tossica esaspera tutto. Io pratico il topless da quando ho 15 anni, sono per il nudismo ma la malizia e la perversione stanno negli occhi di chi guarda. Il problema poi è la ricerca di una perfezione che non esiste. Lo diceva Dalì: «Non aver paura della perfezione: non la raggiungerai mai». Le persone vanno in crisi perché l’aspetto digitale e quello reale non coincidono.

Avrà parecchio di cui discutere con Francesca Cipriani, dunque.
Lei fa la showgirl, è quasi un personaggio vivente e se Fellini fosse vivo, oggi la cercherebbe per un suo film. Se nessuno le racconta che c’è un percorso alternativo a quello della chirurgia, resterà sempre ferma dov’è. Io non mi sono rifatta mai, anche quando un cantante famoso in radio disse: «Ah sì, la Squillo, quella nasona». Mi sono accettata così come sono e Oliviero Toscani mi disse: «Se ti rifai, non ti parlo più».

La storia di quale degli altri concorrenti la intriga di più?
Tutti abbiamo storie forti, sennò Alfonso Signorini ci avrebbe scelti. Il problema è elaborarle queste storie, capirle, entrare nel profondo. Io vorrei farlo con Manuel Bortuzzo: m’interessa capire l’elaborazione del suo percorso. La disabilità è un tema che conoscono bene grazie alle mie amiche Giusy Versace e Antonietta Laterza.

Nella sua di storia c’è anche la morte dei suoi genitori: nel giro di un mese ha perso entrambi.
(silenzio) A distanza di due anni faccio fatica a parlare, è un percorso complicato, durissimo da metabolizzare.

Le va di dirmi che genitori sono stati?
(chiudiamo la conversazione e richiama dopo diversi minuti) Non ho metabolizzato proprio niente. Non c’è un’età in cui comunque non si rimanga orfani. Io e mia sorella Paola abbiamo avuto due genitori specialissimi. Mio padre aveva una doppia vita: era dirigente in una ditta di elettrodomestici, ma anche un inventore e un creativo, un vero artista. Si costruiva le pipe da solo e suonava tutti gli strumenti. Mamma ha cresciuto due figlie gemelle dunque ha vissuto doppi dolori e gioie doppie: dopo la nostra adolescenza si è reinventata, ha iniziato a lavorare ed è stata la prima rappresentante donna nei campo dei filati.

Cos’ha ereditato da loro?
La creatività e la voglia di battermi per un mondo più giusto. Da sette anni lo faccio con la mia onlus Wall of Dolls, con la quale aiuto le donne vittime di violenza, che purtroppo fanno fatica a denunciare o vengono abbandonate dalle istituzioni. Le aiutiamo in modo pratico, perché spesso non hanno nemmeno i soldi per l’affitto. Lo Stato non deve lasciare sole.

Lei ha mai subito tentativi di violenza
Mi sono scelta come nome d’arte Jo Squillo: quando si avvicinano, si spaventano. Però ho diversi stalker che mi perseguitano da anni: uno mi manda via mail le foto del suo pene, l’altro da più di dieci anni mi perseguita al telefono. È un feticista dei piedi. Ho cercato di denunciare ma mi dicono che non possono fare nulla.

Cambiando argomento. Jo in the house è stato un successo clamoroso in pandemia. Ma i suoi vicini di casa non si sono infastiditi per i dj set in terrazzo?
(ride) A un certo punto ho sentito un urlo e ho detto: «Ci siamo, ora chiamano la polizia». Dopo tre minuti, un altro urlo: «Alza il volume». Qualcuno mi ha citofonato e si è lamentato ma quasi tutti hanno capito che il mio intento era quello di far evadere la gente costretta in casa dalla pandemia.

Da vent’anni lei è la direttrice creativa e il volto di Tv Moda. Pensa di aver cambiato il modo di raccontare il fashion?
Mi criticano ma io penso di esserci riuscita. Ho portato il telespettatore dove non era mai andato, nel backstage delle sfilate, ho scardinato l’idea di moda elitario. Le prime volte mi mettevo per terra davanti alla passerella e mi guardavano come una matta tanto che un importante direttore una volta mi buttò un cuscino, pensando di umiliarmi: io me lo misi sotto il sedere continuai a lavorare.

Altri episodi sgradevoli?
La prima volta ad una sfilata di Giorgio Armani non mi fecero entrare, ero l’unica ad essere rimasta fuori. Tutta mesta vado in bagno e incontro Armani che si lavava le mani: «Cosa ci fai qui? Sono pazzi, devi entrare». È stata la mia rivincita.

Oggi si sente più considerata?
Mi chiamano la lady della moda. Tom Ford, si inginocchiò davanti a me. Karl Lagerfeld mi chiamava Miss Italia. Ho rapporto meravigliosi con molti, ma non voglio vantarmi. I veri artisti della moda hanno riconosciuto in me qualcosa di diverso, mi sono guadagnata sul campo il rispetto.

È vero che è sposata in segreto con tale Gianni Muciaccia?
(ride) Non sono sposata. Mi reputo una donna felice, libera ma sempre follemente innamorata.

Quando le chiedono: «Cantaci Siamo donne» pensa: «oddio che incubo» o «grazie così incasso i diritti?
Dico grazie ma non per i diritti, dai quali si guadagna poco. Quella canzone è entrata nella storia dell’emancipazione femminile, ha dato voce a chi non la aveva. Racconta la diversità e la sorellanza al di là dell’estetica.

È vero che conobbe Madonna agli inizi della carriera e condivise con lei il camerino alle Rotonde di Garlasco
Sì e tutti dicevo: «Ma dove vuole andare questa che si fa chiamare Madonna, non sa cantare e ballare». Pensai: «Dove voglio andare io che mi faccio chiamare Jo Squillo?». Ricordo solo che mi chiese dove compravo i vestiti: lei all’epoca era una ragazza grezza, il suo stile lo cambiò anche grazie all’incontro con quel genio di Elio Fiorucci.

L’ha incontrata altre volte?
Sì, ma non credo si ricordi di me. E la capisco. Una volta, a Parigi, diedi un passaggio in hotel con il mio van ad un’attrice. Un anno dopo la incontriamo di nuovo, lei mi viene incontro e mi urla: «Ciao Jo, how are you?». Io mi giro verso le mie collaboratrici e dico: «Ma chi è, non me la ricordo?». Era Jessica Alba.

Lei ha detto: «So annaffiare i sogni ma anche piantare i semi». Il prossimo seme da piantare?
Uscire dal Grande Fratello e tornare a Sanremo. Voglio presentare un brano ad Amadeus per il prossimo Festival.

L'articolo Grande Fratello Vip, Jo Squillo si racconta a FQMagazine: si commuove fino a riattaccare il telefono, poi richiama proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Sara Pedri, la ginecologa scomparsa: «Tutti i soprusi del primario di Trento Saverio Tateo in corsia»

Corriere.it - 53 min 58 sek ago

 «Tutti i soprusi del primario di Trento Saverio Tateo in corsia»

Trento, la relazione degli ispettori del ministero: «Atteggiamento vessatorio. Ci insultava anche davanti ai pazienti»

Kategorije: Italija

Valter Longo: «Ecco come   il digiuno controllato diventa un’arma contro il cancro»

Corriere.it - 53 min 59 sek ago

 «Ecco come   il digiuno controllato diventa un’arma contro il cancro»

Dieta della longevità e dieta mima digiuno sono, secondo il direttore del laboratorio Longevità e Cancro di IFOM e dell’Istituto di Longevità della University of Southern California di Los Angeles, jolly terapeutici per i pazienti oncologici. Lo racconta nel suo nuovo libro, «Il cancro a digiuno» (Vallardi, dal 20 settembre)

Kategorije: Italija

Orticola si tinge d’autunno

Corriere.it - 1 ura 2 min ago

Orticola si tinge d’autunno

La tradizionale mostra primaverileche espone ai Giardini Pubbliciil meglio di fiori e piante insolite si tiene quest’anno dal 16 settembrecon esemplari stagionali mai visti «Ma lo spostamento non si ripeterà»

Kategorije: Italija

Le sindache in trincea e l’incipit di Chris Offutt: oggi arriva la newsletter de «la Lettura»

Corriere.it - 1 ura 3 min ago

 oggi arriva la newsletter de «la Lettura»

Venerdì 17 via email (e poi via web per una settimana) nuovo appuntamento con i consigli su cosa leggere, guardare, ascoltare. Extra digitale: i musicisti afroamericani

Kategorije: Italija

«Mio figlio Antonio sparito con la mamma ad Hannover: sono nascosti da qualche parte»

Il Gazzettino.it - 1 ura 4 min ago
PADOVA - Non ha più notizie del figlio e dell'ex compagna dal 3 settembre, giorno in cui il piccolo Antonio, undici anni, avrebbe dovuto iniziare la scuola. In classe non è mai...
Kategorije: Italija

Sicurezza stradale: sulle Autovie Venete iniziati i test sulla guida assistita dei tir. Con C-Roads Italy ?dialogo? tra mezzi e autostrada

Ilmessaggero.it - 1 ura 4 min ago
Sono stati effettuati sulla rete di Autovie Venete i test su strada del sistema che permetterà ai mezzi pesanti dotati di guida assistita di dialogare con l?autostrada attraverso la...
Kategorije: Italija

Egitto, Al Sisi progetta la costruzione di nuove carceri «in stile americano»

Corriere.it - 1 ura 7 min ago

Egitto, Al Sisi progetta la costruzione di nuove carceri «in stile americano»

Il nuovo piano porterà il numero delle carceri in Egitto a 79. L’amministrazione del Generale ne ha costruite 27, più di un terzo. L’annuncio dopo la stretta di Biden sugli aiuti

Kategorije: Italija

Smart working e certificati: chi ne ha diritto e cosa succede dal 15 ottobre Le regole Brunetta: «Tutti in presenza, ecco come»

Corriere.it - 1 ura 7 min ago

 «Tutti in presenza, ecco come»

L’assenza del Green pass non comporta in automatico la possibilità dell’impiego da remoto. Il lavoro agile in versione semplificata fino al 31 dicembre 2021

Kategorije: Italija

Green pass obbligatorio, le regole del nuovo decreto per il lavoro: multe fino a 1.500 euro, tamponi a prezzo calmierato

Corriere.it - 1 ura 9 min ago

 multe fino a 1.500 euro, tamponi a prezzo calmierato

Approvato il decreto che entra in vigore il 15 ottobre ed estende il certificato verde a tutto il mondo del lavoro: 23 milioni di persone, anche colf, baby sitter e tassisti. I trasgressori sospesi e senza stipendio, ma non è previsto il licenziamento

Kategorije: Italija
Syndicate content