Italija

Canzoniere Grecanico Salentino, il gruppo folk conquista l’Oscar della world music: è la prima volta per l’Italia

Il Fatto Quotidiano - 2 uri 50 min ago

Il Canzoniere Grecanico Salentino ha vinto i Songlines music awards 2018, l’equivalente musicale degli Oscar, aggiudicandosi il prestigioso riconoscimento di miglior gruppo di world music al mondo. Un grande successo che vale doppio perché è la prima volta in assoluto che l’Italia sale sul gradino più alto del podio. La compagine guidata da Mauro Durante ha ricevuto il premio “Best group” nel corso dell’esibizione di sabato sera all’Electric Brixton di Londra. Il Canzoniere Grecanico Salentino ha superato la concorrenza di Eliza Charty & The Wayard Band (Inghilterra); Mokoomba (Zimbabwe) e She’Koyokh (di base a Londra con elementi serbi, curdi e svedesi). Sul palco londinese sono stati eseguiti alcuni brani dell’ultimo album, “Canzoniere“, prodotto dall’etichetta Ponderosa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Solo Andata, il fotoracconto di Vincenzo De Pinto. #soloandata #errideluca #cgstour2016 #cgs #canzonieregrecanicosalentino

Un post condiviso da Canzoniere Grecanico Salentino (@cgs_canzoniere) in data: Dic 1, 2016 at 8:35 PST

Il Canzoniere Grecanico Salentino è nato a Lecce nel 1973 dalla scrittrice Rina Durante, il primo a formarsi in Puglia, ed è diventato il più importante gruppo di musica popolare salentina. “Una vittoria che corona la vocazione internazionale del gruppo – composto da Mauro Durante (voce, violino e tamburi), Alessia Tondo (voce e castagnette), Emanuele Licci (voce, chitarra e bouzouki), Giulio Bianco(zampogna, basso, armonica, flauti e fiati popolari), Massimiliano Morabito(organetto), Giancarlo Paglialunga (voce e tamburello) e Silvia Perrone(danza) – da sempre bandiera italiana nel mondo, anche grazie al lavoro dell’etichetta Ponderosa e al costante accompagnamento di Puglia Sounds”, si legge nel comunicato che annunica la premiazione.

“Siamo felicissimi, incredibilmente orgogliosi. Questo è un premio per tutti noi, per la nostra famiglia musicale”, ha detto emozionato Mauro Durante, leader della formazione. “È un riconoscimento alla nostra passione e al nostro amore incondizionato per questa musica. È anche un premio alla ‘pizzica’ come movimento, come ‘nuovo’ genere musicale. Uno stile che finalmente incontra il successo e il riconoscimento che merita dal mondo della musica internazionale. Che emozione vedere i mostri sacri che hanno vinto prima di noi!”.

L'articolo Canzoniere Grecanico Salentino, il gruppo folk conquista l’Oscar della world music: è la prima volta per l’Italia proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Povertà, politici e Banca Mondiale: è tutta un’impostura

Il Fatto Quotidiano - 2 uri 50 min ago

Tutta un’impostura. La Banca Mondiale, esperta e complice dell’impoverimento globale, stila rapporti fingendosi un organismo di beneficenza a cui stanno a cuore i poveri. L’ultimo suo rapporto sulla povertà non lascia alcun dubbio in proposito. Sui 27 Paesi che presentano il tasso di povertà più elevato nel mondo, 26 si trovano in Africa. L’Africa sub-sahariana, secondo il rapporto citato, concentra sul suo suolo, più della metà delle persone che vivono con meno di 1,90 dollari al giorno. Ciò significa, secondo la stessa fonte, che 413 milioni di persone su un totale di 736 milioni di poveri nel mondo, nel 2015, si trovano dalle nostre parti. Il Sahel, da par suo, contribuisce in modo ragguardevole al consolidamento della statistica citata. L’impostura e dunque la menzogna è duplice: nelle statistiche e nei politici di questa parte del mondo. Non si vive di moneta, i dollari come parametro assoluto del governo del mondo è un’impostura. La monetizzazione della povertà è funzionale alle statistiche e ai piani di distruzione strutturale e sistematica delle economie locali. Non entra nel calcolo la solidarietà, la produzione e il consumo locale, la sobrietà di vita e la povertà che un tempo era ‘conviviale’ come ben ricordava Ivan Ilic, prima di diventare monetaria.

L’altra impostura è quella dei politici locali che delle apparenze fanno la politica e della politica un’apparenza. Somigliano a degli impostori che sulla menzogna fondano e perpetuano il loro potere. Si pavoneggiano in opere costose, destinate a infime minoranze di una classe abbiente. Vani concentrati di futilità ad uso e consumo di effimero prestigio. Nello sfondo si evidenzia il reato più grave che un politico possa perpetrare: il tradimento del popolo e cioè dei poveri che del popolo sono il volto. Coltivano i poveri per trarne argomenti utili per i Fondi di Sviluppo che della povertà hanno fato la loro ragione d’essere e d’operare. Peraltro non sono gli unici ad ambire a questo nome. L’impostura prende pure le strade del terrorismo permanente che, gemellato col banditismo, ha trovato proprio nel Sahel un terreno fecondo per radicarsi e prosperare. Decine di gruppi armati, frazionati, suddivisi e orchestrati per occupare territori, risorse, giovani e futuro ai quali la politica l’ha confiscato. Appaiono labili i confini tra rapimenti, commerci di droghe, armi, persone e frontiere. E allora si cerca di frenare l’esodo verso questi gruppi di affermazione sociale violenta con progetti di aiuto che evidenziano solo l’impotenza. Formazione professionale creazione di posti di lavoro per migliorare le prospettive di vita dei giovani. Dieci milioni di euro per i giovani di Diffa, nel Niger.

Quanto alla complicità e dunque ai complici, essa è trasversale. Da parte degli intellettuali che, ormai da tempo, hanno scelto di insabbiare la verità sotto una coltre di pavidità. Da parte di insegnanti, cercatori, giornalisti e attivisti, silenti per troppo tempo rispetto al tipo di visione sociale che si stava disegnando nel Sahel coi gruppi mal definiti ‘djihadisti’. Prediche nelle moschee, cassette, messaggi alle radio e televisioni locali e, prima di tutto interessi economico-religiosi delle correnti salafiste che l’Arabia Saudita ha foraggiato in tutti questi anni. Da parte dei politici, che hanno trescato per anni coi benefici economici delle monarchie del Golfo e i pellegrinaggi alla Mecca. La recente ed efferata uccisione del giornalista dissidente Jamal Khashoggi non è che un epifenomeno della strategia saudita. Il terrorismo, nel Sahel come altrove, porta anche la sua marca. C’è un padre della violenza, neppure troppo nascosto, che ha generato un mostro in una spirale di sangue senza fine. Quante alle reazioni al delitto da parte di Paesi arabi, occidentali, africani e asiatici, sono inconsistenti perché il dio-denaro non esige giustificazioni ma solo sottomissioni.

I passanti sono, infine, quelli che guardano, osservano, transitano, fanno progetti e spariscono dopo qualche tempo. Ma soprattutto tacciono per non disturbare il conducente della nave di sabbia. Sono spettatori degli avvenimenti e cercano in fretta di passare ad altro più attraente dall’oblò dove si sono installati previa prenotazione. Rifuggono dalle domande impegnative e preferiscono le piccole certezze quotidiane della sopravvivenza di cui parla la Banca Mondiale nel suo rapporto. Un dollaro e 90 al giorno per uscire infine dalla povertà.

Niamey, ottobre 2018

L'articolo Povertà, politici e Banca Mondiale: è tutta un’impostura proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Il romanzo a staffetta de «la Lettura»  Svolta nella puntata di Covacich

Corriere.it - 2 uri 58 min ago

Il romanzo a staffetta de «la Lettura»  Svolta nella puntata di  Covacich

Prosegue il romanzo a più voci de «la Lettura». Nel numero in edicola fino a sabato 27 ottobre anche Houellebecq su Carrère e l’intervista di Sandro Veronesi a Elvis Costello

Kategorije: Italija

CULTURA - DOMANI A CATANIA TARGA, NEL VILLINO LOMBARDO, DOVE E’ VISSUTO CON LA MOGLIE, LO SCRITTORE LUIGI CAPUANA, IN OCCASIONE DELLA RICORRENZA CENTENARIA DELLA SUA SCOMPARSA

CRONACAOGGI - 2 uri 59 min ago
CATANIA - In occasione della ricorrenza centenaria della scomparsa dello scrittore Luigi Capuana, avvenuta a Catania il 29 novembre 1915, a cura della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali e dell’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano, sabato 28 novembre, alle ore 10, verrà apposta un.....
Kategorije: Italija

CULTURA - IL 21 NOVEMBRE AL TEATRO COMUNALE DI BELPASSO LA CONSEGNA DEL PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE NINO MARTOGLIO - XXIX EDIZIONE

CRONACAOGGI - 2 uri 59 min ago
BELPASSO, Catania - Si svolgerà sabato 21 novembre, con inizio alle ore 18.00, al Teatro Comunale di Belpasso la cerimonia di consegna del Premio Letterario Internazionale Nino Martoglio - XXIX edizione, organizzato dal Circolo Athena e dalla Regione Siciliana con la consulenza scientifica dell’Isti.....
Kategorije: Italija

APPUNTAMENTI - PER I CONCERTI DEL CENTRO MAGMA IL 4 GENNAIO AL CASTELLO URSINO DI CATANIA IL LIVE DEL FENÌLYA CELLO DUO, NEL PROGRAMMA "IL NOSTRO NATALE" DEL COMUNE

CRONACAOGGI - 2 uri 59 min ago
CATANIA - Con le feste di fine anno in via di conclusione, è tempo per una nuova esibizione musicale in una location suggestiva e prestigiosa come il Castello Ursino di Catania. Organizzato dal Centro Magma di Catania, domani, lunedì 4 gennaio, alle 20, l'apprezzato Fenìlya Cello Duo (nella foto di .....
Kategorije: Italija

Parma-Lazio 0-0 Diretta Inzaghi ne cambia due al 56'

Ilmessaggero.it - 2 uri 59 min ago
Il bellissimo Parma di questo inizio di stagione torna al Tardini e ospita la Lazio, in un match che riporta alla memoria le sfide tra le due squadre a cavallo dell'anno 2000. I ducali vengono...
Kategorije: Italija

Manovra, ecco le misure più apprezzate: il condono piace anche ai 5 stelle | I dati Ecco com’è cambiata la pace fiscale 

Corriere.it - 3 ure 1 min ago

 il condono piace anche ai 5 stelle | I dati Ecco com’è cambiata la pace fiscale 

La manovra apprezzata dal 59 per cento degli italiani. Bocciato, invece, il reddito di cittadinanza. Aumenta la quota di persone convinte che la finanziaria non metterà a rischio i conti pubblici

Kategorije: Italija

A «Italia 5 Stelle» sfilano tutti  i big, da Conte a Grillo Diretta  Di Maio: «Un nuovo gruppo europeo per i delusi»

Corriere.it - 3 ure 10 min ago

 «Un nuovo gruppo europeo per i delusi»

La diretta video da Roma. Alla kermesse anche i ministri del Movimento

Kategorije: Italija

Perché Marquez sorpasserà Valentino Rossi (e forse anche Agostini)

Corriere.it - 3 ure 12 min ago

Perché Marquez sorpasserà Valentino Rossi (e forse anche Agostini)

Marc ha 7 titoli dopo 11 stagioni come accadde al Dottore, ma li ha vinti più giovane e può usare la storia di Rossi per non ripeterne gli errori. E inseguire il grande Giacomo

Kategorije: Italija

Ascolti tv, boom per le ragazze della pallavolo nella finale Italia-Serbia

Corriere.it - 3 ure 14 min ago

Ascolti tv, boom per le ragazze della pallavolo nella finale Italia-Serbia

L’ultima partita dei Campionati Mondiali di Pallavolo femminili è stata seguita da 6 milioni 313 mila spettatori con uno share medio di 36.1

Kategorije: Italija

Usa, crolla il pavimento durante il party in casa: 30 feriti

Corriere.it - 3 ure 15 min ago

 30 feriti

Gli invitati alla festa stavano ballando quando il pavimento è crollato sotto i loro piedi

Kategorije: Italija

SPORT - RUGBY-SERIE B, DUE SCONFITTE PER AMATORI E CUS CATANIA CON MESSINA E BENEVENTO, IL 31 GENNAIO APPUNTAMENTO CON LA SECONDA FASE

CRONACAOGGI - 3 ure 29 min ago
CATANIA – Chiusura amara per Amatori Catania e Cus Catania della prima fase, nel girone 4-poule 2, della serie B. Le due squadre etnee infatti sono state battute oggi rispettivamente da Amatori Messina allo “Sperone” e dalla capolista Benevento alla Cittadella Universitaria.
Dopo sei vittorie co.....
Kategorije: Italija

L'INTERVISTA - INTERVISTA ALL'ATTORE E REGISTA CATANESE ORAZIO CONDORELLI: "IL MIO E’ UN TEATRO POPOLARE, VIVO E VITALE, CHE TUTTI POSSONO SEGUIRE"

CRONACAOGGI - 3 ure 29 min ago
CATANIA - Lo abbiamo incontrato a Catania, durante uno dei suoi apprezzati laboratori e gli abbiamo chiesto di parlarci del suo lavoro d’attore e regista, dei suoi progetti e dei destini della cultura e della nuova drammaturgia. Il personaggio in questione è Orazio Condorelli, attore e regista teatr.....
Kategorije: Italija

Nunzia, 24 anni, muore per un malore davanti agli amici dopo la serata in discoteca

Ilmessaggero.it - 3 ure 29 min ago
Una morte senza un perché. Una ragazza di 24 anni è morta a casa di amici per un malore nella notte tra venerdì e sabato a Guastalla, nella Bassa reggiana, dopo una serata...
Kategorije: Italija

Un grosso masso si stacca dalla montagna e travolge l’auto

Corriere.it - 3 ure 30 min ago

Un grosso masso si stacca dalla montagna e travolge l’auto

Le immagini riprese da una dashcam su una strada di montagna in Cina

Kategorije: Italija

Paris Hilton a Milano, folla di gente per un selfie con lei

Corriere.it - 3 ure 32 min ago

Paris Hilton a Milano, folla di gente per un selfie con lei

L'ereditiera, in città per presentare la sua linea di skincare, ha incontrato i fan in Rinascente. Poi ha trascorso la serata al Just Cavalli con il fidanzato e altre celebrities

Kategorije: Italija

Italia 5 stelle, Cristiano De André sul palco della kermesse M5s: “Conosco Grillo da sempre, grande comico e grande persona”

Il Fatto Quotidiano - 3 ure 33 min ago

Beppe Grillo era amico di mio padre. Sono felice che l’Italia abbia capito la grande persona che è”. Così Cristiano De André, figlio di Fabrizio, ha salutato il pubblico dal palco di Italia 5 stelle, dove ha suonato alcune canzoni del padre prima di lasciare il posto a ministri ed eletti M5s. Il figlio del cantautore ha raccontato come Grillo sia un amico della sua famiglia

L'articolo Italia 5 stelle, Cristiano De André sul palco della kermesse M5s: “Conosco Grillo da sempre, grande comico e grande persona” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Alberto Angela chiude Ulisse con la favola della principessa Sissi e fa il record di ascolti. Ma i fan insorgono: “Come sarebbe a dire ultima puntata?”

Il Fatto Quotidiano - 3 ure 35 min ago

“Ho amato, ho vissuto, ho peregrinato attraverso il mondo ma mai ho raggiunto ciò che cercavo. Ho illuso e sono stata illusa”. Con questi versi scritti dalla principessa Sissi in persona e letti da Alberto Angela, si è chiusa la quarta e ultima puntata di Ulisse – il piacere della scoperta, in onda sabato sera in prima serata su Rai 1. L’affascinante storia dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, le cui vicende personali “si mescolano a quelli di un impero che sarà cancellato dalla Storia ma fino all’ultimo mostrerà i suoi splendori”, hanno fatto registrare un nuovo record per il programma, tenendo incollati al teleschermo oltre 4 milioni 453mila spettatori, con uno share del 22.5%. Un grande successo per Alberto Angela, che ha vinto la sfida di portare la cultura in prima serata il sabato sera su Rai 1, trattando anche temi complessi come quello del rastrellamento del ghetto ebraico di Roma e della Shoah, al centro della terza puntata del programma. Non solo, con mezzo milione di interazioni tra Facebook, Twitter e Instagram questa edizione di Ulisse è stata la serie di documentari più social della storia della Rai.

Questa sera le porte della corte di Sissi sono aperte solo per noi!
INIZIA ORA #Ulisse su #Rai1 e @RaiPlay ▶️ https://t.co/ZdKum5oEpL pic.twitter.com/DOEn35y9ve

— Ulisse – Rai1 (@UlisseRai1) 20 ottobre 2018

È stata una formidabile avventura. Sentivamo tutto il peso di una grande responsabilità per una missione mai tentata prima”, ha commentato Alberto Angela. “Noi siamo partiti verso l’ignoto ponendoci tante domande e consapevoli del grande rischio – ha aggiunto –  ma dall’altra parte c’erano loro. Sono stati gli spettatori a cambiare la televisione. A farci partire è stata e la fiducia in un’idea, che sapevamo giusta e poi, sì, anche una certa dose di coraggio. Ma senza quella non si arriva da nessuna parte nella vita.”

Partendo dai palazzi viennesi di Schönbrunn e della Hofburg, simboli del fasto e del potere asburgici, in quest’ultima puntata Alberto Angela ha fatto vivere agli spettatori l’atmosfera che si viveva nella Corte di Vienna a fine Ottocento e i tormenti che hanno accompagnato per tutta la vita la principessa Sissi a cui, come ha scritto in alcuni appunti la sua dama di compagnia, “Persino la tua bellezza ti porterà solo dolore e non conoscerai mai la pace”.

[ ANTEPRIMA @UlisseRai1 ]
“Questa donna così ribelle, così inquieta ma anche così moderna, forse aveva già intravisto il mondo nuovo che arrivava”
Alla corte di Sissi, l’ultima puntata di #Ulisse: TRA POCO in 1^ serata su @RaiUno, con @albertoangela. pic.twitter.com/rqvK9nphFa

— Ufficio Stampa Rai (@Raiofficialnews) 20 ottobre 2018

Dal matrimonio a Vienna con l’imperatore Francesco Giuseppe fino alla drammatica morte nel 1898 a Ginevra per mano di un anarchico italiano, Sissi è stata per molti un simbolo dell’indipendenza femminile in un secolo di grandi trasformazioni sociali, rimasta impressa nell’immaginario comune grazie alla straordinaria interpretazione che ne fece l’attrice Romy Schneider. La sua indole ribelle, in contrasto con le rigide convenzioni di corte, ha presagito con decenni d’anticipo la fine del vecchio mondo. “Una duchessina di 16 anni che viene dalle sue amate montagne di paese per diventare imperatrice di un impero che neanche conosce. Ma suo marito non la chiamava ‘Sissi’, bensì ‘Sisi‘”, rivela poi Alberto Angela, suscitando clamore sui social.

Le due cose che adoro di più…
Alberto Angela e la principessa Sissi

Kategorije: Italija
Syndicate content