Il Fatto Quotidiano

Syndicate content
News, inchieste e blog su politica, cronaca, giustizia, economia
Updated: 23 min od tega

Torino, ragazzina insultata sul bus per motivi razziali: indagato 60enne senza fissa dimora

Pet, 17/11/2017 - 15:03

C’è un uomo sospettato per il calcio e gli insulti a Giulia, giovane giocatrice di basket che venerdì scorso a Torino è stata aggredita su un autobus della linea 63. È un disoccupato di 60 anni, un uomo senza fissa dimora e con problemi di alcolismo e droga. È stato rintracciato mercoledì dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Rivoli e dai colleghi della Stazione di Grugliasco. “Faremo di tutto per trovare il colpevole dell’atto volgare e violento che hai patito”, aveva promesso a Giulia il procuratore capo Armando Spataro. E così è stato.

I militari dell’Arma hanno visionato le immagini riprese dalle telecamere a bordo del bus e hanno incrociato i dati con le informazioni sulle obliterazioni e delle “bippature” degli abbonamenti su quell’autobus nel giorno e nell’ora dei fatti. Dopo queste analisi la loro attenzione si è concentrata su un uomo che Giulia ha riconosciuto con assoluta certezza.

Si tratta di un senza fissa dimora, già conosciuto alle forze dell’ordine, denunciato all’autorità giudiziaria e segnalato ai servizi territoriali per i suoi comportamenti antisociali provocati dall’abuso di alcool e di droga. In passato era anche stato sottoposto anche a un trattamento sanitario obbligatorio. Sarebbe lui quello che ha detto a Giulia: “È inutile che tu vada a scuola, tanto finirai sulla strada. Torna al tuo paese”. Per quella frase e quel calcio sferrato alla ragazza è indagato dalla procura di Torino. L’ipotesi di reato formulata dai pm Patrizia Caputo ed Eugenia Ghi, cioè la violenza per motivi razziali, non permette la sua custodia in carcere, ragione per cui gli inquirenti stanno valutando quale iniziativa prendere per limitare la pericolosità sociale del sospettato. Per il proseguimento dell’inchiesta e per verificare le accuse nei confronti dell’uomo saranno comunque importanti le testimonianze di altri passeggeri che possono aver assistito alla scena.

Nel frattempo Giulia, che gioca nelle giovanili di un’importante squadra torinese, ha ricevuto la solidarietà del coach della nazionale di basket femminile, Marco Crespi, e del mondo della pallacanestro.

L'articolo Torino, ragazzina insultata sul bus per motivi razziali: indagato 60enne senza fissa dimora proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Giulietto Chiesa: “Io e Ingroia facciamo paura, nostra lista non è di sinistra. M5s? Crollerà, è guidato da incompetente”

Pet, 17/11/2017 - 14:33

La ‘mossa del cavallo’? La nostra non è una lista di sinistra, ma una lista civica dalla parte del popolo. E infatti si chiama ‘Lista del popolo'”. Esordisce così, ai microfoni di Ho scelto Cusano (Radio Cusano Campus), il giornalista-saggista Giulietto Chiesa, che spiega l’iniziativa politica sua e dell’ex pm antimafia, Antonio Ingroia. “Vogliamo sottolineare subito che noi non siamo tra quelli che strillano contro il populismo” – continua – “Siamo dalla parte di quelli che stanno sotto e vogliamo batterci con loro contro quelli che stanno sopra. Facciamo un discorso rivolto a tutti i cittadini perché la Costituzione sia finalmente attuata. Non porteremo in Parlamento dei protestatari, ma gente che ha un programma serio e preciso. Facciamo già paura. Facciamo paura anche a Repubblica che stamattina ci prende in giro in prima pagina. Si rendono conto che se riusciamo a portare in giro le cose che diciamo ci saranno parecchi scossoni in Italia”. E aggiunge: “Con Ingroia ci siamo trovati sulla valutazione che l’Italia sta andando a picco e bisogna fare qualcosa. Con lui sono andato a prendere un caffè insieme e ci siamo chiesti: ‘Chi sono quelli che possono cambiare le cose?’ Le principali tre forze in Italia sono: Renzi che va a picco nel nulla. Poi c’è la vecchia destra, guidata da un uomo ormai passato di moda come Berlusconi, che si mette d’accordo con la Lega che è il nulla dal punto di vista intellettuale e politico. E infine” – continua – “c’è il M5S, che sta andando in braccio all’impero. Abbiamo visto il nuovo capo Di Maio che, violando tutte le loro regole, va negli Stati Uniti a inchinarsi di fronte all’impero per dire che sono dalla loro parte. Se il panorama è questo è chiaro a tutti che mezza Italia non va a votare. Quindi, abbiamo deciso di fare un tentativo di risvegliare un pezzo d’Italia, quello che al referendum sulla Costituzione ha votato No, nonostante tutti i giornali e le tv al servizio del potere”. Chiesa rincara sui 5 Stelle: “Io non dico che siano tutti farabutti nel panorama politico e infatti alleanze le faremo con qualcuno che ha un programma. Purtroppo il M5S non ha un programma, io ritengo che andrà indietro alle prossime elezioni, nonostante tutti i sondaggi che non corrispondono con i miei sondaggi personali. Andrà indietro, perché sta abbandonando tutti i suoi fondamentali. E’ diventato un partito” – prosegue – “guidato da un signore, che è un incompetente palese, il quale non ha nessuna esperienza politica e nessuna dignità politica. Questa mattina mi trovavo a rispondere alle mail dei più inviperiti fanatici 5 Stelle e gli ho scritto: ma secondo voi Di Maio rappresenta il M5S? Perché, se vi va bene Di Maio che decida la linea, eletto con uno scarsissimo consenso, per carità fate come volete, ma io con questa gente qui non so come discutere”

L'articolo Giulietto Chiesa: “Io e Ingroia facciamo paura, nostra lista non è di sinistra. M5s? Crollerà, è guidato da incompetente” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Studenti “in mutande”a Roma per protestare contro la manovra: “La scuola non ci lascia nemmeno i vestiti”

Pet, 17/11/2017 - 14:31

Circa duemila studenti hanno manifestato a Roma contro l’alternanza scuola-lavoro e i provvedimenti della manovra finanziaria riguardanti la pubblica istruzione. “Simbolicamente alcuni di noi si sono messi in mutande per dire che la scuola non ci sta lasciando neanche più i vestiti”, ha commentato la studentessa Elena Turchi. Il coordinatore nazionale degli studenti medi, Gianmarco Manfreda, ha aggiunto: “Non abbiamo avuto risposte chiare dalla politica e siamo tornati in piazza. Gli studenti hanno sfilato per le vie di Roma, da piazzale Ostiense fino alla sede del Miur in viale Trastevere

L'articolo Studenti “in mutande”a Roma per protestare contro la manovra: “La scuola non ci lascia nemmeno i vestiti” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Il sex toy ti registra? Meglio andare sul classico

Pet, 17/11/2017 - 14:07

A Bologna, oltre allo strabiliante Fico, c’è Milo Manara. O meglio la mostra antologica “Nel segno di Manara”, che ho già visto e che vi segnalo perché è molto bella ed è allestita a Palazzo Pallavicini, strepitosa dimora del 1700.  Strepitoso è sempre stato per me l’illustratore, tanto che sono riuscita a farmi un selfie, a stringergli la mano mentre gli raccontavo che in passato ho raccontato in tv cosa fosse l’ovetto wireless con le immagini da lui disegnate.

Faccio un passo indietro.

“Il gioco” è forse il suo fumetto più conosciuto da cui ne fu tratto anche un film datato 1985, il cui titolo era “Le Déclic”. Ovviamente chi c’era in prima fila? Moi! La storia ruota attorno ad un telecomando collegato ad un chip inserito nel cervello della protagonista. Questo piccolo apparecchio, governato da un uomo invaghitosi della bellissima fanciulla, fa sì che la stessa, prima pudica e riservata, si lasci andare a situazioni spinte e ad alto tasso erotico.

Circa dieci anni fa, l’azienda francese Love to Love lanciò sul mercato una linea di oggetti del piacere dedicata a Manara: spanker, condoms, cosmetici erotici commestibili che ritraevano i personaggi e le donnine del celebre fumettista.

Tra tutti, a quel tempo commerciante, fui letteralmente abbagliata dall’ovetto: una piccola ogiva vibrante che veniva inserita in vagina. L’accessorio allegato era ovviamente il piccolo telecomando che poteva attivare l’ovetto – 10 modalità di vibrazione – in qualsiasi momento e a distanza.

Diciamo che l’effetto era, più che per il piacere stesso, per il senso di divertimento, di dominio e di sottomissione. Funzionava a pile e francamente lo si acquistava più per la scatola con stampato il fumetto, che per la qualità dell’oggetto stesso. Però sicuramente tante coppie si sono divertite.

Oggi l’industria si è evoluta e molte sono le aziende che propongono sex toys per l’autoerotismo o per il piacere senza fili. Si scarica l’app e se tu sei a Torino, lui a Bali, si può godere insieme.

Il problema è che ogni tanto anche la tecnologia così sofisticata, inciampa: We Vibe, il sex toy di coppia nato nel 2006 – prima! – che sembrava un auricolare, si è modernizzato a tal punto che con la sua app ha creato un pandemonio. L’azienda produttrice ha dovuto risarcire 10mila dollari canadesi (mica pizza e fichi), a chi ha dimostrato di aver usato l’oggetto in causa e la relativa applicazione tramite la quale si raccoglievano dati molto privati.

Adesso tocca alla cinese Lovense, per altro semisconosciuta: alcuni acquirenti hanno segnalato un bug della app che registrava sospiri a altro delle sessioni di autoerotismo. In più pare che per accedere a tutte le funzionalità, l’azienda non chieda nemmeno l’autorizzazione per la privacy.

Quello che predico ormai da anni, è di fidarsi dei brand più consolidati e di quello che vi consiglia la vostra coach. Meditate gente meditate e non fatevi prendere troppo dall’acquisto compulsivo dettato dall’ormone ballerino.

Per ciò che riguarda l’ovetto ormai un po’ vintage di Manara, posso dirvi che aveva la stessa frequenza del portone automatico del garage, ma la privacy, fortunatamente, era assolutamente protetta.

Potete seguirmi sul mio sito http://www.sensualcoach.it/

L'articolo Il sex toy ti registra? Meglio andare sul classico proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Mercato circolare di giacimenti urbani, ogni rifiuto è un bene prezioso

Pet, 17/11/2017 - 14:04

Ogni cittadino europeo consuma in media 16 tonnellate di materie prime l’anno, sei di queste diventano scarti, la metà dei quali finisce in discarica con ovvie ricadute sulle emissioni di gas climalteranti e sul mancato recupero della materia prima. Eppure, secondo lo studio McKinsey Growth within: a circular economy vision for a competitive Europe (commissionato dalla Ellen Macarthur Foundation, un caposaldo in materia e pubblicato nel 2015) il consolidamento dell’economia circolare e dell’uso di materiali circolare potrebbe ridurre il consumo di materiali primari del 32% entro il 2030 e del 53% entro il 2050 con un saldo positivo vantaggiosissimo in termini di consumo d’acqua, terra e aria.

Come ridurre questa forbice? Se ne parla alla quinta edizione del Mercato circolare di giacimenti urbani (www.giacimentiurbani.eu), in Cascina Cuccagna dal 17 al 19 novembre, manifestazione inserita nella Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, la più grande campagna europea legata a queste tematiche.

Per tre giorni in Cascina Cuccagna ci saranno incontri, mostre, laboratori e un Green market, dedicati al tema della riduzione degli sprechi in varie fasi della filiera, dalla prevenzione, alla riparazione, compresi riuso, upcycling e riciclo. L’obiettivo? La sensibilizzazione sul valore degli oggetti che ci circondano per le ricadute che hanno nel loro ciclo di vita, dalla produzione alla dismissione, alla trasformazione in rifiuto.

Di questo si occupa la manifestazione, di accendere i riflettori sui problemi conseguenti alla civiltà dei consumi, come ben evidenzia la mostra 21st Century beach, 23 foto di rifiuti spiaggiati spiaggiati di Rosanna Maiolino, ma anche di scoprire le possibili soluzioni in atto e attuabili per ridurre i rifiuti.

Si parte venerdì 17 novembre, alle 17.00 con la proiezione di Dalla parte del mare, documentario inedito girato da Francesco Malingri nei mari del mondo, con interviste a Giovanni Soldini e ad altri uomini di mare. Dati sconfortanti, che richiedono scelte radicali anche da parte dei cittadini, a partire dalla prevenzione. Dal momento che il consumo di plastica nel mondo è perennemente in crescita, con una richiesta in Europa pari a 49 milioni di tonnellate lʼanno e di circa 4,3 milioni di tonnellate nella sola Italia. Gli impieghi?

Il 39,9% va nel packaging, il 19,7% alla costruzione, lʼ8,9% allʼautomotive, il 5,8% allʼelettronica, il 25,7% è suddiviso tra diverse categorie. Per contrastarne l’uso indiscriminato oltre alle istituzioni si deve muovere l’opinione pubblica per contenerne l’abuso. La mostra L’eterno ritorno, in natura non esistono scarti ma solo risorse (in mostra fino al 22/11 a Milano in Cascina Cuccagna e poi al Forum nazionale del riciclo di Legambiente al Pecci, Museo d’Arte Comporanea di Prato dal 24 al 30/11 ), dedicata ai materiali biodegradabili e compostabili, vuole segnalare alcune soluzioni disponibili alcuni materiali e prodotti alternativi alla plastica a più basso impatto ambientale.

Full-immersion nella bioarchitettura, con la presentazione del Manifesto dell’architettura sostenibile, e nell’economia circolare con collana Neomateriali e moda di Edizioni ambiente, con finale sui risultati di Cop23 con una diretta streaming da Bonn con la delegazione italiana di Italian Climate network in collegamento con Cascina Cuccagna con Andrea Di Stefano, Stefano Caeserini e Barbara Meggetto. Sempre alla Conferenza delle parti sul clima fa riferimento la mostra Brandalism at Cop21, opere di guerrilla art di Brandalism (www.brandalism.uk), gruppo d’artisti paneuropeo che nel corso della Cop di Parigi nel 2015 aveva tappezzato le pensiline dei tram di finte pubblicità antisistema. Giacimenti urbani e Cascina Cuccagna ne hanno selezionate 30 e le pongono in esclusiva.

E’ dedicato al Bando delle periferie del Comune di Milano l’ultimo pomeriggio, quello di domenica, con il racconto dello stato di avanzamento dei lavori di alcuni progetti. Prossimo appuntamento per un aggiornamento sul mondo rifiuti e economia circolare con i numeri delle aziende che lavorano nel settore rifiuti il 14 dicembre a Roma L’Italia del riciclo, rapporto sul riciclo dei rifiuti, a cura di Fise unire, l’Unione delle imprese del recupero

L'articolo Mercato circolare di giacimenti urbani, ogni rifiuto è un bene prezioso proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Sondaggi, supermedia Youtrend: Pd in picchiata, centrodestra col turbo. Al voto Sud decisivo. E il tripolarismo sta finendo

Pet, 17/11/2017 - 13:55

La tendenza delle ultime settimane è chiara e così appaiono più chiare le strategie politiche dell’ultimo mese. Il centrodestra ha messo il turbo. Il Partito democratico è sostanzialmente in picchiata, per giunta quasi isolato, ma con il centrosinistra tutto unito non cambierebbe nulla, sarebbe comunque un onorevole secondo posto. I Cinquestelle restano il primo partito, più o meno stabile, ma senza alleanze – com’è noto – restano fuori dai giochi. E così il centrodestra che ha messo il turbo, punta alla soglia del 38-40 per cento che può dargli la maggioranza in Parlamento: poiché il Nord è quasi tutto appannaggio del centrodestra e il centrosinistra resisterà al Centro, decisiva sarà la performance nei collegi del Sud. Un quadro disegnato da Youtrend che ha elaborato la supermedia dei sondaggi usciti negli ultimi 15 giorni. I dati, in generale, confermano l’effetto Sicilia, cioè l’effetto “bandwagon”, come lo chiama Lorenzo Pregliasco di Youtrend: il Pd va male e raccoglie meno consensi nei sondaggi, il centrodestra va bene e ne prende di più.

Il crollo del Pd, Forza Italia in salute
Partendo dalle liste, dunque, il M5s secondo la media dei sondaggi è al 27,3, sostanzialmente stabile da settimane se non da mesi, come dicono vari istituti (qui c’è una flessione dello 0,3 che in analisi come queste è quasi impercettibile. Il secondo partito resta il Pd che scende stabilmente sotto alla soglia del 25, con un crollo del 2,4 in un mese. Ciò che è interessante è il sorpasso di Forza Italia nei confronti della Lega Nord, grazie a un aumento di un punto e mezzo rispetto a un mese fa. Un fenomeno che può essere legato a una partecipazione più attiva di Silvio Berlusconi, ma anche all’emorragia di voti dal campo moderato delle forze di governo (la destra del Pd e i vari partiti centristi). Questa circostanza è importante perché sia Berlusconi sia Matteo Salvini hanno detto che il governo di centrodestra – se ci sarà – sarà guidato da chi avrà preso più voti. Nel campo del centrodestra portano acqua i Fratelli d’Italia (in aumento di mezzo punto), protagonisti d’altra parte sia con Nello Musumeci – neogovernatore siciliano – sia ad Ostia con la candidata mini-sindaco e probabilmente nei prossimi giorni anche con Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice e candidato alla presidenza della Regione Lazio. L’unità è salvifica nell’area di sinistra visto che sia Mdp sia Sinistra Italiana ballano sulla soglia di sbarramento del 3 per cento (e infatti dal 2 dicembre, con Possibile, saranno una cosa sola). Sembra spacciata al momento Alternativa Popolare di Angelino Alfano, se non farà parte di una coalizione.

La fine del tripolarismo
Con questi dati lo scenario delle coalizioni vede il centrodestra al 35,7, nel quale sono compresi non solo i risultati dei partiti più grandi ma anche i partitini della stessa galassia che nel Rosatellum portano comunque voti all’alleanza (a patto che superino l’1 per cento). “Se pochi mesi fa – spiega Pregliasco a La7, dove YouTrend ha illustrato i numeri – si parlava di tripolarismo perfetto, ora il centrodestra si trova nettamente avanti, con 6 punti di distacco sul centrosinistra a trazione Pd e 8 sul M5s”. Il centrodestra in 6 mesi ha fatto un salto di 5 punti, mentre il centrosinistra è calato di 2 (ora è poco sopra il 29) così come il M5s. Più o meno stabile l’area di sinistra che non si schioda dal 5.

L'articolo Sondaggi, supermedia Youtrend: Pd in picchiata, centrodestra col turbo. Al voto Sud decisivo. E il tripolarismo sta finendo proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Totò Riina morto, sulle pagine Facebook dei familiari centinaia di messaggi di cordoglio: “È stato un grande uomo”

Pet, 17/11/2017 - 13:44

Centinaia di messaggi di condoglianze, cuori e fiori virtuali. I profili Facebook delle figlie di Totò Riina, il capo dei capi morto venerdì notte nell’ospedale maggiore di Parma, raccolgono il cordoglio per la scomparsa del boss corleonese. Messaggi da tutta Italia, da Merano alla Sicilia, indirizzati a Lucia e Maria Concetta, le due donne di casa, ma anche al genero del numero uno di Cosa Nostra, Antonio Ciavarello, marito di Maria Concetta. Secondo l’uomo, centinaia di segnalazioni al post, hanno spinto Facebook a cancellarlo. Così ha postato una nuova immagine spiegando l’accaduto (“A qualcuno ha dato fastidio il vostro cordoglio”, dice) e sono piovute altre centinaia di commenti. Uno bolla come una panzata ri picuruna (una massa di pecoroni) chi non si duole o non si mostra addolorato: “Sarà solo Dio che potrà decidere se accoglierlo o no”.

“Condoglianze a te e alla tua famiglia per un grande uomo“, scrive qualcuno sotto la foto che ritrae un viso in primo piano con l’espressione “shhh”, cioè la richiesta di silenzio nel momento di lutto, postata dalla figlia. Decine e decine di “vi siamo vicini”, “condoglianze”, “tuo papà riposi in pace”. Maria Concetta, 42 anni, è stata in gioventù una studentessa dai voti eccellenti e nelle rare interviste rilasciate ha sostenuto che il padre “è un lavoratore ingiustamente accusato“, e che contro di lui parlano solo “calunniatori malvagi e senza scrupoli”.

Molto attiva su Facebook, è intervenuta su varie vicende che hanno riguardato la famiglia, così come suo marito, che pure ha voluto ricordare il suocero – sempre sul social – con un fiocco nero. “La morte ridà dignità e ripone tutti alla pari davanti alla grande di Dio”, commenta qualcuno sulla bacheca di Ciavarello. “Riposa in pace zio Totò”, si legge ancora. “Condoglianze alla famiglia, ciao zio Totò”, scrive un altro.

In pochi ricordano i trascorsi di Rina, i suoi 24 anni di latitanza e le 26 condanne all’ergastolo per decine di omicidi e stragi tra le quali quella di viale Lazio, gli attentati del ’92 in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e quelli del 1993 a Milano, Roma e Firenze.

L'articolo Totò Riina morto, sulle pagine Facebook dei familiari centinaia di messaggi di cordoglio: “È stato un grande uomo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Reggio Emilia, ristoratore-spacciatore sbaglia destinatario del messaggio e scrive al carabiniere: “La coca è pura”

Pet, 17/11/2017 - 13:42

Capita a tutti di sbagliare ad inviare un messaggio su Whatsapp. Ma ad un ristoratore di Gualtieri, piccolo comune in provincia di Reggio Emilia, l’errore è costato l’arresto. Il 50enne era un insospettabile ristoratore con una seconda vita da spacciatore. “La coca è pura” ha scritto a un suo cliente per rassicurarlo sulla qualità della droga che gli avrebbe venduto. Una informazione più che chiara che, per un errore nel salvare il numero del cliente, è arrivata ad un carabiniere che ha organizzato il suo arresto.

L’uomo è stato bloccato nella notte in un’area di sosta sulla strada Provinciale 63 mentre era in compagnia di un giovane. Sulla sua auto sono stati trovati 1645 euro in contanti e, nascoste un una bomboletta spray e in una lattina modificata con del gesso, gli investigatori hanno trovato diverse dosi di hashish e cocaina. Il ristoratore è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Durante una perquisizione domiciliare, sono stati trovati poi trovati altri 250 grammi di sostanze. Tutta la droga è stata sequestrata insieme ai contanti, a due bilancini di precisione e al materiale per il confezionamento e l’agenda che faceva da registro dei clienti e delle dosi vendute.

 

L'articolo Reggio Emilia, ristoratore-spacciatore sbaglia destinatario del messaggio e scrive al carabiniere: “La coca è pura” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Migranti, “davanti alle tragedie del Mediterraneo dovevo fare qualcosa: oggi coi barconi confiscati costruisco opere d’arte”

Pet, 17/11/2017 - 13:29

“No, non potevo rimanere con le mani in mano. Così, mi sono chiesto cosa potevo fare, io, da artista, di fronte ad una tragedia simile”. Massimo Sansavini ha 56 anni ed è uno scultore, autore e artista forlivese. Dopo i grandi naufragi nel canale di Sicilia a partire dal 2013, è riuscito ad accedere al cimitero delle barche di Lampedusa, l’ex base militare americana Loran, dove vengono portati gli scafi oggetto di confisca da parte delle autorità, e poi distrutti. È stato il primo a ricevere l’autorizzazione dal tribunale di Agrigento, e il primo ad entrare. E, da allora, realizza opere e mostre itineranti con il legno proveniente dalle barche affondate che trasportavano i migranti nel Mediterraneo. “L’arte ha il compito di raccontare in maniera approfondita il mondo del nostro tempo”, spiega.

Tutto è iniziato nel 2013. “Ho cominciato ad interessarmi al fenomeno migratorio in seguito alle notizie delle numerose tragedie nel canale di Sicilia – ricorda Massimo –. In particolare quella del 3 ottobre 2013, quando un’imbarcazione naufragò a poche miglia da Lampedusa, provocando oltre 368 morti e decine di dispersi”. Una delle catastrofi marittime più grandi del XXI secolo. “In quel momento ho cominciato a domandarmi cosa potevo fare per andare oltre le notizie trasmesse dai mezzi d’informazione”.

Ho cominciato a domandarmi cosa potevo fare per andare oltre le notizie trasmesse dai mezzi d’informazione

Il percorso che porta alla scoperta, al lavoro e alla valorizzazione del legno utilizzato dai barconi dei migranti è lungo e complesso. “Appresi che a Lampedusa esisteva un vero e proprio Cimitero delle Barche. Un luogo, insomma, dove venivano portati tutti gli scafi oggetto di confisca da parte delle autorità competenti prima di essere distrutti”. Dopo aver atteso mesi e avanzato numerose richieste, nell’autunno del 2015 Massimo ottiene il nulla osta dal Tribunale di Agrigento: “Potevo finalmente prelevare il materiale custodito. Mai nessuno aveva ricevuto l’autorizzazione prima”.

Così l’artista forlivese comincia a lavorare il legno. Ogni opera racconta un naufragio: cuori, barche, timoni, pesci. E ancora: fiori, stelle, bandiere. Il percorso espositivo, corredato da fotografie e video, ha fatto il suo esordio nel settembre 2016, ai Musei San Domenico di Forlì. Il nome, provocatorio, dell’esposizione è Touroperator, ed è – questa – una delle prima mostre di arte contemporanea realizzate con il legno degli scafi dei migranti.

Quando i visitatori fanno il loro ingresso hanno reazioni di varia natura. Qualcuno si commuove, qualcuno prova rabbia

“Quando i visitatori fanno il loro ingresso hanno reazioni di varia natura – racconta Massimo – Qualcuno si commuove, qualcuno prova rabbia. Nessuno, insomma, rimane indifferente”. Touroperator è arrivata in vari musei e spazi espositivi, in Italia e all’estero.  Dalla sede della Regione Emilia-Romagna a Bologna, da Forlì a Bruxelles, all’interno del palazzo Altiero Spinelli. “Ricordo tanti parlamentari presenti all’inaugurazione che riconoscevano nelle opere uno dei punti di massima debolezza dell’Europa”, aggiunge l’autore.

A Salerno, invece, Touroperator ha fatto tappa alla nuova stazione marittima, disegnata da Zaha Hadid. “Ci trovavamo in concomitanza con lo sbarco di 526 migranti nel porto cittadino: è stato un momento molto significativo. E molto toccante”, ricorda Massimo. L’esibizione di opere realizzate con il legno delle barche dei migranti ha avuto numerosi apprezzamenti, ma allo stesso tempo non sono “mancate critiche, anche molto pesanti. Le domande e i messaggi che la mostra pone ci portano a riflessioni concrete: che Europa siamo? Quale valore diamo alla vita umana?”, spiega l’artista forlivese. “Siamo di fronte, oramai, ad un cambiamento sociale irreversibile”.

Credo che ci si dimentichi facilmente di problemi a cui non si riesce a dare una risposta

Per Massimo l’Italia sulla questione dei migranti “non solo è stata abbandonata, ma trova nei propri partner europei ostacoli e chiusure”. Come l’Ungheria, “che mette in carcere i migranti che entrano nel suo territorio”, la Danimarca “che ai rifugiati siriani voleva chiedere la consegna dei loro monili d’oro per pagare le spese”. O l’Austria, “che pensava a un muro al confine con l’Italia”.

La mostra, comunque, continuerà nel suo percorso itinerante. Prossime tappe Milano, Palermo e Cesena. Massimo ne è convinto: “Dieci anni? Sono pochi per gestire un fenomeno epocale come questo”. Magari con ci saranno più i barconi, e i resti di quegli scafi li vedremo raccontati come opere d’arte o memorie di un momento buio. “Spero che il messaggio sia arrivato forte. Ma credo – conclude Massimo – che allo stesso tempo ci si dimentichi facilmente di problemi a cui non si riesce a dare una risposta. L’arte riesce ad essere efficace in quanto comunica in modo trasversale argomenti che riguardano tutti noi”.

L'articolo Migranti, “davanti alle tragedie del Mediterraneo dovevo fare qualcosa: oggi coi barconi confiscati costruisco opere d’arte” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Scanzi vs Rutelli: “Quali sono le battaglie del Pd? Jobs Act?”. “Riforma lavoro positiva, anche se mia figlia è stata licenziata”

Pet, 17/11/2017 - 13:28

Faccia a faccia a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e l’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli. Scanzi ricorda al politico i motivi della scissione del Pd: “Lo ha detto anche Bersani, peraltro con una verve tale che, se l’avesse avuta nel 2013, avrebbe stravinto le elezioni. Lei prima ha parlato di battaglie. Gli scissionisti dem non sono andati via per antipatie personali, ma perché delle battaglie, che erano fondanti per una certa idea di sinistra, adesso hanno preso una piega totalmente diversa. Esempi concreti: il Jobs Act è una battaglia o no? La Buona Scuola è una battaglia o no? Lo sblocca-Italia è una battaglia o no?”. E aggiunge: “Non basta che uno sherpa Fassino, con la sua grande allegrezza, vada da D’Alema e da Bersani a dirgli di unirsi al Pd. Non è più così semplice. E poi mandano contemporaneamente Guerini a cercare di convincere Casini, Dellai, e la Lorenzin, cioè Alfano. Io mi metto nei panni di un Bersani o di un Fratoianni o di un Montanari, che dicono: ‘Io vado con Renzi, sapendo che mi devo unire a Verdini, ad Alfano e a Casini? Che trionfo'”. Rutelli dissente: “Tante cose sono state fatte, anche sul tema dell’immigrazione. E’ ingeneroso e ingiusto non riconoscerlo. Il Jobs Act è una misura complessivamente positiva, ha aiutato in alcuni casi, anche se una mia figlia, che fa l’estetista, è stata licenziata per il Jobs Act. Altre riforme indiscutibilmente sono rimaste a metà e bisogna continuare su questa strada. Riguardo al Pd, c’è una classe dirigente”. “Dirigente è una parola forte”, commenta ironicamente Scanzi. “Ci sono Gentiloni, Franceschini…“, replica Rutelli. Il giornalista fa notare che sono persone e non proprio una classe dirigente, ma Rutelli sottolinea: “C’è anche una coalizione,  che comprende anche i partiti che lei ha un po’ sbeffeggiato e che, però, hanno permesso in questi anni di fare cose importanti”. “Allude ad Alfano e Verdini? Facciamo i nomi“, ribatte Scanzi. “Certo, i Marò li abbiamo riportati in Italia grazie a loro“, puntualizza Rutelli. “Anche Shalabayeva è stata portata in Italia, poi se n’è andata” – osserva Scanzi – “Ci sono milioni di italiani che non votano più Renzi che dal 2014 a oggi ha perso tutte le elezioni, quindi questi straordinari risultati che lei riscontra evidentemente tanti italiani non li vedono”

L'articolo Scanzi vs Rutelli: “Quali sono le battaglie del Pd? Jobs Act?”. “Riforma lavoro positiva, anche se mia figlia è stata licenziata” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Alicudi, la scuola più piccola d’Europa: 3 alunni, 357 gradini e nessuna campanella. E la maestra di matematica rinuncia

Pet, 17/11/2017 - 13:22

Per arrivare nella scuola più piccola d’Europa ci sono 357 scalini da fare ogni giorno ma l’unica maestra che c’è e i suoi tre alunni li fanno senza lamentarsi e soprattutto senza l’assillo della campanella perché la scuola di Alicudi, una delle isole dell’arcipelago delle Eolie, non ha un bidello che la suona. Fa tutto l’insegnante.

E’ difficile immaginare questa scuola perché non ha aule né sezioni: è una tipica casa dell’isola affacciata sul mare, tra i colori di una vegetazione che è già una lezione di scienze. Beatrice Zullo, 57 anni, quattro figli e due nipoti, lì ha trascorso più di un anno. Poi è diventata di ruolo e quest’anno al posto del blu e del giallo del sole è finita a vedere il grigio della pianura modenese dove insegna. Non si lamenta ma il suo sogno è tornare nella scuola più piccola d’Europa. Nonostante fosse costretta a fare le pulizie, a percorrere ogni giorno quei gradini, a prendere un aliscafo per andare al collegio docenti a Lipari o a Salina, vorrebbe tornare sull’isola dove non si è mai sentita fuori dal mondo: “Mi sento più sola qui piuttosto che sull’isola di Alicudi”.

Quest’anno nella casa-scuola ci sono tre alunni, due di quarta e una che si prepara all’esame della secondaria di primo grado. Quando lì insegnava Beatrice i ragazzi erano solo due delle elementari. Ogni anno non è facile “salvarsi”. Mirella Fanti, dirigente scolastico dell’Istituto “Lipari 1” da cui dipende il plesso di Alicudi, ce l’ha fatta grazie alla buona volontà delle istituzioni e delle famiglie che hanno accolto le sollecitazioni a non abbandonare il proprio territorio. E in effetti Alicudi senza la scuola sarebbe ancora più isolata, perché tra un insegnamento e l’altro nelle ore pomeridiane si praticano anche tante attività rivolte a tutte la comunità.

Essere maestri nella più piccola scuola d’Europa è diverso da ogni altra realtà: “Si inizia alle otto, un’alunna veniva con me, l’altra arrivava con la mamma. Una faceva la prima, l’altra la terza. Facevo tutte le materie a parte inglese per il quale veniva una ragazza esperta a fare lezione. Così anche per religione. Non c’è la campanella, nemmeno la bidella. Si sistema la classe tutti insieme. Le pulizie le facevo io aiutata dalle mamme”. Sull’isola senza auto, dove per muoversi esistono solo i muli, c’è la Rete: “E’ una realtà all’avanguardia da quel punto di vista. Si fanno video-lezioni con altri istituti. Con una scuola secondaria di secondo grado di Bergamo abbiamo fatto un lavoro online sulla Costituzione”.

Quando si chiede alla maestra Zullo della palestra sorride: “Non bastano i 357 gradini?”. Ad Alicudi anche la vita dei bambini è diversa: “Il pomeriggio vanno sulla spiaggia, raccolgono le conchiglie, vivono con i pescatori. Hanno un grande senso di comunità e sono innamorati della loro isola”. Tutto dipende dal mare, è lui il vero “dirigente” della scuola: “Andare ad una riunione o meno dipende dal clima così come raggiungere la scuola. Ero io a dover decidere che fare in caso di maltempo”. Una realtà, quella della scuola di Alicudi, tanto particolare e suggestiva da aver ispirato “L’ultimo giorno”, un documentario prodotto da ZaLab e dal Museo del Cinema di Stromboli. L’autore e regista, Alberto Bougleux, ha dedicato il film alla scuola di Alicudi, pur parlando a tutte le realtà scolastiche italiane: “Un film documentario dedicato a tutti i maestri e le maestre che si battono quotidianamente per difendere il diritto dei bambini a una scuola moderna, creativa e democratica, reso possibile da un rapporto unico di collaborazione e fiducia con l’istituto Scolastico Lipari 1”.

La vita alla scuola di Alicudi non è per nulla facile. Soprattutto in quest’anno scolastico che stenta a partire per l’assenza di insegnanti. Secondo Eolie News l’ultima maestra arrivata dopo appena un giorno sull’isola, ha comunicato di stare male e che sarebbe andata via con la nave di linea. Sarebbe dovuta rimanere sino a metà dicembre. La dirigenza scolastica del Comprensivo Lipari 1 sta facendo tutto il possibile per dare ai due scolari una adeguata istruzione ma si trova di fronte a continue rinunce. E anche per l’unica alunna del CPE (Corso di preparazione esami) scuola media andare a scuola diventa un’impresa: per ora fa solo delle lezioni d’italiano, impartite da una insegnante del luogo, nominata dalla dirigente scolastica. “La docente di matematica nominata nei giorni scorsi ha dovuto rinunciare in quanto il percorso fino alla scuola, con 350 scalini, le è risultato estremamente pesante” ha detto Bartolo Pavone, vicepreside della scuola elementare di Lipari, da cui dipende Alicudi. Le lezioni, quindi, continuano a non seguire un calendario preciso, per questo i genitori degli alunni protestano. “Nel Centro preparazioni esami – ha spiegato Pavone – è stato dato incarico alla docente residente già insegnante di ruolo per una preparazione mirata alle materie letterarie, in vista dell’esame di fine anno, sempre come integrazione alla frequenza delle lezioni tenute in comune con gli alunni di primaria. La segreteria sta lavorando a ritmo serrato per individuare la nuova docente della primaria e un’altra docente di matematica per il Cpe. Per la scuola di Filicudi – ha continuato – sono state integrate le lezioni impartite per tutti gli alunni della primaria dalla docente di ruolo con lezioni di scuola secondaria”. “Riteniamo – ha concluso – che l’unica soluzione per risolvere anche i problemi scolastici nelle isole minori potrebbe essere una legge che dia la precedenza per l’insegnamento nelle isole dei docenti eoliani. Il paradosso è che una decina di insegnanti eoliani sono costretti a lavorare nel Nord Italia e pur avendo fatto richiesta anche per gravi motivi di malattia e di famiglia, non sono state autorizzati a rientrare nelle loro isole“.

L'articolo Alicudi, la scuola più piccola d’Europa: 3 alunni, 357 gradini e nessuna campanella. E la maestra di matematica rinuncia proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Povertà, l’allarme della Caritas: “Senza interventi sull’occupazione, nel 2030 giovani indipendenti a 48 anni”

Pet, 17/11/2017 - 13:20

Il rapporto sull’esclusione sociale evidenzia che dal 2007 ad oggi, i più a rischio povertà sono i giovani. Una situazione “decisamente più allarmante di quella vissuta un decennio fa dagli ultra-sessantacinquenni” Nell’ultimo ventennio, osserva la Caritas, il divario di ricchezza tra giovani e anziani si è ampliato: la ricchezza media delle famiglie con capofamiglia di 18-34 anni è meno della metà di quella del 1995, mentre quella delle famiglie con capofamiglia con almeno di 65 anni è aumentata di circa il 60%. L’Italia infine è il paese dell’Ue con la più alta presenza di Neet, cioè giovani senza lavoro e che non frequentano percorsi formativi: nel 2016 3 milioni 278mila giovani, il 26% di chi ha tra 15 e 34 anni, risultavano fuori dal circuito formativo e lavorativo. Sono soprattutto donne (56,5%) e provengono dal Nord-est (65,3%). Il 16,8% è straniero.

L'articolo Povertà, l’allarme della Caritas: “Senza interventi sull’occupazione, nel 2030 giovani indipendenti a 48 anni” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Riina, il boss che fece guerra allo Stato. Ascesa al potere, omicidi e stragi del padrino di Corleone

Pet, 17/11/2017 - 12:42

Nato a Corleone il 16 novembre del 1930 da un famiglia contadina. Il metro e 58 d’altezza gli vale il soprannome di “U Curtu“. Nel 1956 viene arruolato nel gruppo di fuoco del mafioso Luciano Leggio (anche noto come Liggio, ndr), di cui diventerà vice. Nella banda anche Bernardo Provenzano. Processato viene mandato al soggiorno obbligato nel 1969, ma non lascia la Sicilia e da latitante inizia a eliminare i nemici. Coinvolto in oltre 100 omicidi, condannato a 26 ergastoli. Arrivano i primi delitti politici: l’ex segretario provinciale della Dc Michele Reina e il governatore Piersanti Mattarella. Dopo la cattura di Leggio, Riina prende il suo posto nel triumvirato mafioso assieme a Stefano Bontate e Tano Badalamenti. Condannato nel “maxiprocesso” dopo le rivelazioni del primo pentito di rango Tommaso Buscetta, dichiara guerra allo Stato. Nel mirino i giudici Falcone e Borsellino, a cui si doveva il maxiprocesso. Inizia la stagione delle stragi. Il 12 marzo 1992 muore Salvo Lima, il 23 maggio e il 19 luglio Falcone e Borsellino. Il 15 gennaio del 1993 i carabinieri del Ros lo arrestano dopo 24 anni di latitanza, ma sull’operazione restano molti punti oscuri. Nella versione ufficiale fu consegnato dal suo ex fedelissimo, Baldassare Di Maggio, che avrebbe raccontato del bacio tra Riina e l’ex presidente del Consiglio Giulio Andreotti. Per altri sarebbe stato l’amico di sempre Provenzano, contrario all’attacco frontale allo Stato, a venderlo ai carabinieri. La sua morte lascia senza risposte molte domande sul rapporto mafia-politica e sulla stagione delle stragi (Ansa)

L'articolo Riina, il boss che fece guerra allo Stato. Ascesa al potere, omicidi e stragi del padrino di Corleone proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Scanzi a Rutelli: “Se ci sono i Renzi, i Salvini e i 5 Stelle in politica è perché avete fallito voi”

Pet, 17/11/2017 - 12:41

Il contributo di Rutelli al centrosinistra? Lui non c’è, ma ci sono molti Rutelli boys, da Gentiloni a Giachetti. Ci ha anche regalato delle figure di cui molti probabilmente avrebbero fatto a meno, come Michele Anzaldi o Filippo Sensi”. Sono le parole del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, in un dibattito con l’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, e il direttore dell’Espresso, Marco Damilano, a Otto e Mezzo (La7). Scanzi, prendendo spunto dal nuovo libro di Rutelli, “Contro gli immediati”, osserva: “Gli ‘immediati’ effettivamente hanno preso il potere in Italia: basti pensare al M5s, a Salvini e a Renzi. E Rutelli sa molto bene che sono saliti al potere perché hanno fallito i ‘non immediati’. Se c’è Renzi, è perché hanno fallito quelli prima. I 5Stelle hanno successo, perché hanno fallito i Rutelli, i Veltroni, i Prodi. E sto citando i migliori, perché potrei menzionare i Casini, i Fini, i Berlusconi. Rutelli ha ragione che “l’immediatezza” è un problema, ma è anche la spiegazione di una classe politica pessima”. Rutelli stigmatizza l’indolenza attuale dei giovani: “Da ragazzo ho cominciato a fare politica, perché ho seguito delle battaglie, come quelle dei Radicali. Quando vedo oggi queste conferenze coi giovani, noto che ci sono 200 o 300 ragazzi bravi, carini, fighetti, simpatici, sportivi, twittatori: o ascoltano oppure, al massimo, fanno la loro piccola performance per farsi notare. Io penso che i giovani che vogliano fare politica debbano fare battaglie, ad esempio, per il lavoro e la pensione”. Insorge Damilano: “Questi giovani ci sono, solo che a volte votano Casapound o M5s o Lega. Loro potrebbero dirle che fanno politica e che vengono anche criticati, perché tacciati di essere fautori dell’antipolitica. In realtà, manca chi fa queste battaglie e militanza appassionata e disinteressata nei partiti della sinistra”. Concorda Scanzi: “Il concetto di appartenenza è stata una delle cose che più ha nobilitato la storia della sinistra. Qui siamo di fronte a una larga parte di elettorato che non riesce a dire più ‘noi’, quando pensa al cosiddetto centrosinistra. Magari riesce a dirlo o astenendosi dal voto oppure votando altri partiti. C’è stato un crollo dell’appartenenza nel centrosinistra ed è coinciso anche con la personalizzazione del Pd di Matteo Renzi

L'articolo Scanzi a Rutelli: “Se ci sono i Renzi, i Salvini e i 5 Stelle in politica è perché avete fallito voi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Tesla Roadster, l’ultimo trucco di Elon Musk è servito – FOTO e VIDEO

Pet, 17/11/2017 - 12:37

Elon Musk è un fenomeno della comunicazione. Dategli un palco e fategli arringare la folla, il risultato è garantito. In un momento di difficoltà come questo, tra licenziamenti, conti in rosso, accuse di razzismo e, soprattutto, la produzione della Model 3 che stenta a decollare lui cosa fa? Tira fuori dal cilindro un diversivo. E nel giorno del reveal ufficiale dell’avveniristico e potente Tir elettrico Semi, in arrivo (forse) nel 2019, presenta a sorpresa la più potente e veloce auto elettrica della storia di Tesla: la nuova Roadster, erede del primo modello datato 2008.

Che al suo cospetto sembra quasi un giocattolo, soprattutto a leggere i numeri: 1,9 secondi per lo 0-100, 400 km orari di velocità massima, autonomia di 1.000 chilometri. Et voilà, la vera supercar a batterie è servita.

Quando? Non si sa, con esattezza. La produzione partirà nel 2020, ma visto che l’azienda di Palo Alto non è solita rispettare le scadenze, tutto sommato è meglio che una data ufficiale di vendita non sia stata comunicata. Così almeno si evitano brutte figure. E poi lo scopo non è tanto lanciare un nuovo prodotto, quanto coprire le magagne di cui sopra. Soprattutto quelle della Model 3. Dovevano essere 1.500 quelle prodotte alla fine di settembre, ma sono state meno di 300: è chiaro che di questo passo le 20 mila unità annunciate da fabbricare solo a dicembre (1.500 a settimana) sono una chimera. Con grande disappunto di chi l’aveva ordinata e, immaginiamo, degli azionisti Tesla a cui prima o poi bisognerà dar conto al di là dei comunicati di circostanza.

Sui prezzi, invece, come sempre c’è una solerzia ammirevole, dunque possiamo dirvi che la Roadster costerà la bellezza di 200 mila dollari (circa 170 mila euro al cambio attuale). Ma se si desiderasse una delle Founder’s Series, ovvero i primi mille pezzi a tiratura limitata, i dollari da sborsare saranno 250 mila, e tutti in anticipo sull’unghia. Per quella d’ordinanza, se così si può chiamare un bolide del genere, in fase di ordine bisognerà invece lasciare una caparra di “soli” 50 mila dollari. Niente da dire, Elon Musk oltre che un fenomeno mediatico è anche un gran furbacchione. Il problema è che qualcuno ancora gli crede.

.meride-video-container{width:100%!important; height:0 !important; padding-top:56% !important;} .meride-video-container > video, .meride-video-container > object {position: absolute; top:0; left:0; width: 100% !important; height:100% !important} @media screen and (min-width: 641px){ .left-column .meride-video-container{width:675px!important; max-width:675px!important; padding-top:70% !important;} }

L'articolo Tesla Roadster, l’ultimo trucco di Elon Musk è servito – FOTO e VIDEO proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Milano, mozione in consiglio comunale: “Spazi pubblici solo a chi sottoscrive un documento sui valori antifascisti”

Pet, 17/11/2017 - 12:35

Per ottenere spazi pubblici, locali o sale del comune di Milano bisognerà sottoscrivere un documento sui valori antifascisti. È questo il contenuto di una mozione che lunedì verrà presentata in consiglio comunale a Milano con la quale si chiederà al sindaco Giuseppe Sala e alla sua giunta di impegnarsi per cambiare i regolamenti. La proposta è stata avanzata dai consiglieri di Insieme X Milano, David Gentili e Anita Pirovano. E la maggioranza, ma non solo, la voterà in maniera compatta.

Nella mozione – una simile è recentemente stata approvata a Torino – si legge che quanti hanno comportamenti “fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti” non possono avere in concessione per eventi e manifestazioni luoghi pubblici del Comune e delle sue partecipate. L’approvazione comporterebbe, ad esempio, il probabile stop alla commemorazione dello studente Sergio Ramelli, del consigliere provinciale Enrico Pedenovi e del gerarca Carlo Borsani che vede ogni anno centinaia di esponenti dell’estrema destra radunarsi – facendo saluti romani e chiamando il “presente” – nelle strade in cui il fiduciario del Fronte della gioventù fu aggredito nel marzo 1975 morendo dopo 43 giorni di agonia. Lo scorso anno, in quell’occasione, i neofascisti fecero anche un blitz al Campo X del cimitero Maggiore, dove sono seppelliti i repubblichini, dopo che era stato negato il raduno nel giorno della Liberazione.

A rischio – come segnala l’edizione milanese di Repubblica – c’è anche la concessione all’Associazione nazionale combattenti della Rsi dello spazio comunale che è stato adibito a sede o, come spiega Gentili su Facebook, il caso di ‘via Palmieri 1’, dove sarebbe stata aperta una sorta di sede di Forza Nuova grazie a un’associazione fittizia. “La sfida – sottolinea il consigliere comunale – è lanciata a Regione Lombardia. Per esempio via Palmieri 1. Si può interrompere il vergognoso spettacolo che vede protagonisti ogni 25 aprile quei fascisti che utilizzano gli spazi pubblici gestiti da Aler?”.

L'articolo Milano, mozione in consiglio comunale: “Spazi pubblici solo a chi sottoscrive un documento sui valori antifascisti” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Muore Riina

Pet, 17/11/2017 - 12:29

Muore Riina – da il fatto Quotidiano – #riina #andreotti #natangelo

L'articolo Muore Riina proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Iraq, Baghdad: “Caduta ultima roccaforte Isis”. Coalizione: “Il califfato è alla fine”

Pet, 17/11/2017 - 12:22

Anche Rawah, l’ultima città dell’Iraq occidentale occupata dall’Isis, è sul punto di cadere. Lo ha annunciato il comando delle forze armate irachene, citato dalla tv al Mayadin vicina all’Iran. L’offensiva delle forze governative sul centro dell’Anbar si era intensificata nelle ultime ore. Il comandante dell’operazione militare nella regione, generale Abdul Amir Yarallah, ha detto che le forze lealiste hanno cominciato ad avanzare nel territorio urbano. Secondo fonti sul terreno, le forze congiunte di Baghdad e delle milizie della Mobilitazione popolare hanno riconquistato nelle ultime ore quattro quartieri nell’ovest della città, quelli di Abu Kuwah, Albu Obaid, Qadissiya e Azreshiya, hanno issato le bandiere nazionali sui suoi edifici. “Le forze di sicurezza irachene – ha confermato il portavoce della Coalizione a guida americana, Ryan Dillon – hanno lanciato le operazioni per liberare Rawah”.

La coalizione internazionale a guida Usa che combatte Isis traccia un primo bilancio: “Dal 2014, l’Isis ha perso il 95% del territorio che controllava in Iraq e in Siria”, ha affermato secondo Al Arabiya Brett McGurk, inviato degli Stati Uniti presso la coalizione, facendo notare che il sedicente Stato islamico controllava un’area grande quasi come la Gran Bretagna. “Più di 7,5 milioni di persone sono state liberate dall’Isis”, ha aggiunto McGurk. “Le forze irachene, con il sostegno della Coalizione – ha scritto quindi l’inviato di Washington in un tweet in un tweet – annunciano la liberazione di Rawa, tra le ultime aree popolate in Iraq ancora nelle mani dei terroristi dell’Isis. I giorni del suo falso Califfato stanno per finire“.

Anche le forze che combattono lo Stato islamico in Siria diffondono proclami di vittoria. Secondo al Mayadin, il comandante della Brigata Qods dei Pasdaran iraniani, il generale Qasem Suleimani, si è recato in visita nelle ultime ore nella cittadina frontaliera siriana di Abukamal, dove le milizie filo-iraniane combattono l’Isis accanto all’esercito governativo siriano. Lì i miliziani iracheni filo-iraniani hanno assicurato a Suleimani che “la vittoria è vicina”. Le forze governative siriane e irachene, sostenute dalle milizie filo-iraniane da entrambi i lati, dalla Russia in Siria e dalla Coalizione a guida Usa in Iraq, sono impegnate da giorni nell’offensiva per conquistare le ultime zone ancora in mano all’Isis lungo il confine tra i due paesi.

L'articolo Iraq, Baghdad: “Caduta ultima roccaforte Isis”. Coalizione: “Il califfato è alla fine” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Ciclabilità, primo ok della Camera alla legge. Meglio tardi che mai

Pet, 17/11/2017 - 12:07

Finalmente, dopo due anni di lavori e revisioni, proprio quando rischiava di divenire carta straccia per via della fine della legislatura, lo scorso 15 novembre è stata approvata la legge quadro per la Mobilità Ciclistica alla Camera. Legge redatta grazie ai contributi della Fiab (Amici della bicicletta) e approvata quasi all’unanimità con solo due astenuti. “Dopo la Camera, la palla passerà al Senato – ha spiegato l’onorevole Gandolfi dell’Intergruppo parlamentare per la Mobilità Nuova e Ciclistica, che l’ha presentata – c’è dunque probabilità che la legge quadro venga approvata entro la fine della legislatura».

Meglio tardi che mai, l’Italia ne ha davvero bisogno. Il nostro paese resta al primo posto per il maggior indice di motorizzazione privata in Europa: 61 veicoli ogni 100 abitanti rispetto alla media europea di 46 veicoli ogni 100 abitanti (dati Euromobility 2012). Secondo l’Istituto superiore di formazione e ricerca per i trasporti (Isfort) l’automobile è utilizzata dall’83 per cento degli italiani, nonostante il 60% degli spostamenti abituali non superi i cinque chilometri, il 40% i due chilometri e il 15% un chilometro. Ogni automobile, che viaggia generalmente con il solo conducente, circola soltanto per due ore al giorno. Nelle altre 22 ore rimane parcheggiata occupando suolo pubblico sottratto ad usi sociali. Gli incidenti stradali costano alla collettività circa 28 miliardi di euro l’anno. Di tutti gli spostamenti nelle aree urbane, circa il 60 per cento riguarda il trasporto di merci, dai grandi camion commerciali ai semplici trasporti quotidiani per rifornire le abitazioni. Il 42 per cento di tutti gli spostamenti motorizzati nelle aree urbane potrebbe essere effettuato con bici o cargo-bike. Tutti i dati sono riportati nel testo della proposta di legge.

Come ha sottolineato il ministro Graziano Delrio, “Se si riesce a stimolare l’uso della bicicletta nei primi 5 km, si possono ottenere riduzione del traffico cittadino del 40%: cose che nessuna tecnologia può fare”.

L’Italia, fino ad ora, rimaneva tra i pochi Paesi europei a non disporre ancora di un piano nazionale della mobilità ciclistica e di una rete ciclabile nazionale. La legge quadro vuole promuovere l’uso della bicicletta sia per gli spostamenti quotidiani (casa, scuola, lavoro e servizi), sia per le attività turistico-ricreative (cicloturismo). La legge quadro dovrebbe quindi potenziare anche l’integrazione modale tra bicicletta e mezzi di trasporto locali e regionali, che in molte regioni sono più che carenti. Stazioni, porti e aeroporti dovranno diventare accessibili in bicicletta. I relatori della legge presentano un esempio per tutti: l’aeroporto di Malpensa non è raggiungibile in bici, questo impedisce ai 20.000 addetti dell’aeroporto di recarsi al lavoro in bici e inibisce anche il collegamento con le ciclabili dei comuni limitrofi e del Parco del Ticino: eppure basterebbe realizzare una pista ciclo-pedonale lungo la strada statale 336.

La legge prevede che gli enti locali predispongano programmi triennali per l’attuazione degli interventi sulla mobilità ciclistica, e che gli argini dei fiumi siano utilizzati in modo prioritario per la realizzazione di itinerari ciclo-pedonali o di piste ciclabili. La rete nazionale di ciclovie diventa quindi una infrastruttura strategica nazionale e il 2% degli stanziamenti, annualmente previsti per le infrastrutture viarie e ferroviarie, saranno destinati alla mobilità ciclistica.

Il ritorno economico per l’intera società generato dagli investimenti in mobilità ciclistica è d’altra parte dimostrato da diverse ricerche. Secondo un autorevole studio fatto a Copenaghen, ad esempio, un segmento d’infrastruttura ciclabile lungo 1 km porta un guadagno netto di 42 centesimi per ogni ciclista che lo percorre, mentre lo stesso km fatto in auto genera una perdita di 3 centesimi.

Ma il problema in Italia non è solo economico e legislativo, è anche e soprattutto culturale. La dipendenza dall’auto è una dipendenza mentale, non solo pratica. Per questo ben vengano eventi culturali che sposano la mobilità sostenibile e invitano al pensiero critico… come il “Bicicletterario-Parole in Bicicletta”, il primo concorso letterario per opere inedite a tema bicicletta. La bici e la penna sono simbolo di pace e rivoluzione: leggere e sobrie, non inquinano, non ingombrano, non cementificano, non fanno rumore ma si fanno sentire. Sono una buona provocazione, un salutare vento in faccia.

L'articolo Ciclabilità, primo ok della Camera alla legge. Meglio tardi che mai proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija

Abbiamo un inno nazionale! Entusiasmo bipartisan per quello del ‘fratello’ Mameli

Pet, 17/11/2017 - 12:07

La mossa tanto attesa della Commissione Affari Costituzionali, che con ddl ufficializza definitivamente il riconoscimento de “il Canto degli Italiani” (vulgo “di Mameli”) quale inno nazionale, ha suscitato unanime entusiasmo nell’intera penisola; mentre un’ondata di spirito patriottico già spingeva fino a notte inoltrata larghi strati della popolazione a far risuonare sotto i mille campanili del Bel Paese i versi e le note della veneranda composizione risorgimentale.

Le alate parole che gli eroi del nostro calcio nazionale, con quelle loro belle voci stentoree e stonate, hanno intonato sui prati erbosi di mezzo mondo – dalla rocciosa Macedonia alla fatale Scandinavia – quale Diana guerriera per l’annuncio di sempre nuovi trionfi.

O no?

In effetti l’inno in questione è un canto malaugurante, con l’accompagnamento musicale a marcetta composto dal maestro Michele Novaro nel novembre del 1847, perfetto per l’esecuzione di un’orchestra composta da trombette e grancassa, quale sintonica colonna sonora di un Paese che ha fatto della retorica militaresca una teatralità trombonesca. Pura smargiassata da ruggito del topo. Con annesso ammiccamento del “mica si fa sul serio”.

Difatti un perfetto premier italiota quale Silvio Berlusconi, intonando il fatidico verso “siam pronti alla morte”, ostentava scaramanticamente il gesto delle corna.

E con ciò si arriva al testo, opera di Goffredo Mameli, che lega l’epopea ottocentesca con quella del Terzo Millennio del fu cavaliere di Arcore. E la parola chiave è “fratelli”; il ricorrente appellativo che imbastisce un filo di continuità plurisecolare, dai framassoni risorgimentali fino al piduista Berlusca. Tutti affratellati dal “grembiulino”, che negli anni e nei decenni nascondeva lo smarrimento delle ragioni originarie motivanti la segretezza massonica (la difesa del libero pensiero delle rivoluzioni borghesi che imponeva appartenenze “coperte”); gradatamente sostituite dall’affarismo e dall’allestimento delle relative cordate.

Francamente lascia basiti l’adozione unanime, da parte del Parlamento, di questo biglietto da visita dello Stato che proclama un patrimonio ideale reso definitivamente fasullo dall’avvenuto, definitivo, deterioramento dei valori a cui continua a riferirsi. Seppure ancora in grado di obnubilare anime semplici o di sedurre menti astute con l’esibizione di una potenza in larga parte fittizia. Si narra che il maestro venerabile Licio Gelli, gran capo della loggia Propaganda Due, solesse impressionare i nuovi adepti mettendoli in contatto telefonico con i Vip desiderati. La cui voce era simulata alla perfezione nella cornetta dall’imitatore fratello Alighiero Noschese.

Né valga a riabilitare questo plesso di non indimenticabili precedenti, sotto forma di canzonetta, la sponsorship di un rispettabile presidente della Repubblica quale Carlo Azeglio Ciampi; che in più occasioni incoraggiò dal Quirinale la ripresa di tale abitudine canora – in particolare da parte dei titani del pallone – in quanto dichiarata “energetica”.

Non a caso da più parti si era segnalata una vicinanza “spirituale” di Ciampi alla fratellanza in grembiule e alla sua morte un comunicato del Grande Oriente d’Italia – Palazzo Giustiniani ne celebrò il rispetto verso la propria organizzazione e le di lui affiliazioni internazionali; dalla loggia Montesquieu alla White Eagle.

Ormai tanta acqua è passata sotto i ponti. Resta solo da domandarci quanto questo Paese sempre più diviso per bande abbia bisogno di riconoscersi nei versi arcaici e nelle note ridondanti che celebrano un’idea guittesca di civile convivenza.

L'articolo Abbiamo un inno nazionale! Entusiasmo bipartisan per quello del ‘fratello’ Mameli proviene da Il Fatto Quotidiano.

Kategorije: Italija